Tel: 0831 521408
info@traghettiamo.it

Peloponneso, un lungo tour tra lo Ionio e l’Egeo

Respiri già aria e profumi d’estate? Eh sì, marzo è il mese del risveglio dopo il tepore domestico dell’inverno.

Le giornate di sole e le temperature più alte fanno già pensare alla bella stagione che, inevitabilmente, richiama le parole vacanze, ferie e relax.

Noi cerchiamo di regalarti queste sensazioni tutto l’anno certo è che, con il caldo, è sempre più bello e più facile pensare al riposo…

Pensiamo positivo e dopo averti suggerito in regalo di San Valentino di scartare d’estate con destinazione Cefalonia, oggi ti portiamo nella regione del Peloponneso.

Suggestione, panorami mozzafiato, spiagge meravigliose e tanta storia sono i fattori comuni di oggi viaggio in Grecia che non posso mancare in questa regione storica-geografica (21.379 km²) della Grecia meridionale, che forma una penisola tra il Mar Ionio e il Mare Egeo.

Ami la geografia e la storia? Allora non puoi non fare un viaggio in questi posti magici le cui origini fanno rima con la storia del mondo.

Leggi un po’ a proposito che dice wikipedia:

Abitato fin dal Neolitico, il Peloponneso prende il suo nome da Pelope, figlio del re di Lidia Tantalo, che conquistò la regione. Da qui nacque la civiltà micenea (XV – XI secolo a.C.), che in seguito cancellò e sostituì quella minoica, originaria di Creta. Vide l’invasione di popolazioni elleniche (2000 a.C.) e successivamente dei Dori, all’incirca nel XII secolo a.C. Il dominio di Sparta si impose tra il X secolo a.C. e l’VIII secolo a.C. e resistette fino all’invasione dei Macedoni (366 a.C. circa). In seguito i Romani presero possesso della regione nel 140 a.C.”

Che storia ragazzi! Davvero alle origini della storia dell’uomo…

Lasciamo però la storia e parliamo del Peloponneso. Ti starai sicuramente chiedendo: che cosa posso visitare in questa regione?

Ti consigliamo alcune città e spiagge in cui fare assolutamente tappa.

Pronto per partire?

Atene

Puoi non visitare la capitale della Grecia? Ecco, appunto. Parti da questa città millenaria situata nell’Attica, zona della Grecia cuore della democrazia e della filosofia. La città fulcro della vita politica, culturale ed economica dello stato; una città che unisce il passato con il futuro, la tradizione e l’innovazione.

Cosa vedere ad Atene? La scelta è molto ampia… Ma parti dall’Acropoli, quella era Atene una volta: un complesso di antichi edifici unici al mondo su cui spicca su tutti il Partenope, il tempio per eccellenza, l’edificio più importante del mondo.

Ai suoi piedi c’è la Plaka, un quartiere molto amato dai turisti perché le strade sono tutte pedonali con negozi e ristoranti.

Qui ti consigliamo di fermati per la pausa pranzo: le tante taverne, spesso collocate negli scantinati, sono dei veri gioielli anche d’arte: un artista locale infatti dipinge le pareti con ritratti di vita quotidiana.

Un luogo semplice, naturale e tranquillo.

Preferisci la modernità? Nessun problema, Atene ha il suo quartiere alla moda: Kolonaki con bar, ristoranti, boutique, musei tra cui il Museo delle arti delle Isole Cicladi.

Spiaggia di Voidokilia

E qui è il momento del relax assoluto: una giornata di mare è quello che ci vuole in vacanza soprattutto se si parla della spiaggia più popolare della Messinia.

La sua sabbia fine forma una striscia di dune semicircolare, simile alla lettera omega. Fa parte di Natura 2000, un’area protetta e habitat di uccelli.

Sul sito ilreporter.com si legge:

Affacciata sul litorale, all’estremità nord orientale, si trova la tomba del figlio di Nestore, Trasimede: risale al periodo miceneo (1680-1060 a.C.) ma ci sono anche resti del neolitico prova evidente che il luogo era abitato sin dal 4000 a.C. Secondo gli storici, Voidokilia potrebbe essere la Pilo di Omero: si tratta della località dove Telemaco venne accolto dal re Nestore mentre era alla ricerca di suo padre, Ulisse od Odisseo. In accordo col mito, la Grotta di Nestore è dove Ermete nascose il bestiame rubato al dio Apollo.”

Micene

Se ami il mistero sei a casa. Paride, Elena, Agamennone e Menelao…la maledizione di Micene che, leggende vuole, sia legata a questi protagonisti.

Al di là di questo, che lasciamo scoprire a te una volta giunto a destinazione, Micene è inserita nel Patrimonio dell’Umanità Unesco per il suo passato così ricco di storia che si respira appena passata la Porta del Leone. Un luogo mitico, magico che sembra quasi uscito da un libro di fantasia eppure è realtà che si tocca e guarda nei muri della città che gli antichi credevano costruiti dai Ciclopi e per questo dette “mura ciclopiche”.

Elafonissos

Un’isola di 20 km, con circa 700 abitanti. Un piccolo paradiso terreste a 300 metri dal continente. Avventura e relax sono le parole d’ordine in questo posto. Avventura per le aree di campeggio libero presenti nella spiaggia di Panagia. Relax sulla spiaggia di Simos la vera attrattiva di quest’isola.

Idra

Altra isola del Peloponneso deve puoi trovare monasteri, spiagge e palazzi in pietra che risalgono al XVIII.

La località fu anche un forte certo culturale negli anni 50 quando diversi personaggi noti fecero della città la dimora di case secondarie. Parliamo del pittore Gikas, lo scrittore Henry Miller e il cantautore Leonard Coen.

Dicevamo dei palazzi in pietra bianca, i Mansions di Idra costruiti per volontà di ricci armatori che raccolgono in sé potenza ed eleganza. Una caratteristica di questi edifici, è la stanza dove gli uomini fumano il nargilè, la famosa pipa ad acqua aromatizzata tipica del Medio Oriente.

A Idra puoi visitare:

  • il Monastero di Dormizione,
  • il Museo Bizantino ed Ecclesiastico,
  • il Museo Storico,
  • l’Accademia Nazionale della Marina Mercantile.

Spetses

Un insieme di stili che richiamano turisti da tutto il mondo nonchè appassionati di The Magus, la novella di John Fowles.

Stili e architetture che vanno dal XVII al XX secolo come i palazzi in stile veneziano e le ville in stile Neoclassico.

Le spiagge dell’isola sono di sassi nella parte nord (Kaiki) e di sabbia nella parte sud (Paraskevi).

Citera

Terra che richiama la bellezza visto che, leggenda vuole, sia l’isola che ha dato i natali ad Afrodite anche per la presenza di templi dedicati all’amore e alla bellezza.

Piccola ma abbastanza popolata (3mila abitanti circa), è una terra montagnosa che guarda verso il mare.

In realtà non è molto frequentata e conosciuta ma è qui che devi passare per respirare la vera natura, terra e storia della Grecia.

Lo stretto di Corinto

Un canale artificiale costruito tra il 1881 e il 1893 per evitare ai navigatori di fare il giro di tutto il Peloponneso.

Un progetto che fa risparmiare 400 km di percorso e che si realizzò per volontà di Nerone il quale fece scavare oltre 3mila di canale. La morte dell’imperatore romano interruppe il progetto che, per fortuna, fu ripreso anni dopo e completato.

Oggi lo stretto è un canale impressionante: 256 metri per 8 metri di profondità a cui si arriva seguendo la segnaletica per Atene percorrendo la vecchia Via Nazionale.

Come hai visto il tour del Peloponneso è lungo ma ricco di cultura ed emozioni da raccontare al ritorno.

Se i lunghi viaggi non ti fanno paura, contattaci e prenota la tua vacanza con noi, l’estate non è lontana!

Per le notti? Non ti preoccupare, affidati ai nostri amici di tuttogrecia.it !

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
1
×
Ciao :-)
Posso aiutarti?